Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Responsabilità dell'ente pubblico per i danni causati da allagamenti se precipitazioni forti, ma non imprevedibili

01 Marzo 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Roma

Responsabilità della P.A.

Danni causati da allagamenti: sussiste la responsabilità dell’ente pubblico gestore delle strade qualora risulti che i danni provocati agli immobili dall’acqua siano stati causati dalla mancata manutenzione e pulizia delle strade.

Leggi dopo

Aiuola condominiale seminascosta dall'erba: la caduta è attribuibile alla scarsa attenzione prestata

22 Febbraio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Torre Annunziata

Condominio e obbligo di custodia

Caduta di una minore nel vialetto condominiale: se lo stato dei luoghi era noto, doveva prestare maggior attenzione. Nessuna responsabilità del condominio.

Leggi dopo

Strategia difensiva deficitaria dell'avvocato: risoluzione del contratto e restituzione dell'acconto versato

15 Febbraio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Rimini

Responsabilità dell'avvocato

Qualora la strategia difensiva scelta dall’avvocato si mostri tanto deficitaria da integrare l’importanza dell’inadempimento, la risoluzione del contratto determina anche il venir meno del diritto al compenso dell’avvocato.

Leggi dopo

Buca sul marciapiede e caduta: ipotesi di esclusione di responsabilità della PA

07 Febbraio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Torre Annunziata

Responsabilità della P.A.

In caso di caduta avvenuta per una buca presente sul marciapiede, responsabile del sinistro è, ai sensi dell’art. 2051 c.c., l’ente proprietario della strada, salvo che..

Leggi dopo

Risarcibile il danno cagionato dal padre che si disinteressa del figlio non riconosciuto

26 Gennaio 2018 | di Redazione Scientifica

Responsabilità dei genitori

La mancanza di adeguato sostegno da parte del genitore nei confronti del figlio e, in particolare, la privazione della figura paterna conseguente il mancato riconoscimento del figlio...

Leggi dopo

Liquidazione del danno da perdita del rapporto parentale e proporzionalità all'intensità del vissuto

17 Gennaio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Napoli

Danno da perdita del rapporto parentale

Il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale deve essere inclusivo di tutto il danno non patrimoniale subìto dai congiunti, in proporzione alla durata ed intensità del vissuto.

Leggi dopo

Sofferenze fisiche e psichiche patite dal soggetto come criterio per la personalizzazione del danno biologico complessivo

10 Gennaio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Roma

Risarcimento del danno non patrimoniale

Il giudice che si avvale delle tabelle giurisprudenziali dovrà adeguatamente personalizzare il danno biologico, valutando le sofferenze fisiche e psichiche patite dal soggetto leso. Per una corretta personalizzazione del danno biologico complessivo, si devono valutare sofferenze fisiche e psichiche patite dal soggetto leso

Leggi dopo

Irrisarcibilità del danno tanatologico ai genitori del neonato morto dopo un intervento chirurgico

05 Gennaio 2018 | di Redazione Scientifica

Trib. Palermo

Risarcimento del danno non patrimoniale

I genitori del bambino deceduto, a seguito di intervento chirurgico, poche ore dopo la nascita, non hanno diritto al risarcimento del danno da morte, qualora l’evento mortale in quanto tale risulti essere stato provocato dalla patologia non altrimenti evitabile.

Leggi dopo

Comportamento irregolare del danneggiato come concausa dell’evento dannoso

28 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Trib. Napoli

Responsabilità da circolazione di veicoli

In materia di circolazione stradale, il comportamento irregolare del danneggiato può considerarsi concausa dell’evento dannoso solo quando rispetto a quest’ultimo abbia svolto un ruolo di antecedente causale.

Leggi dopo

Presunzione di concorso di colpa dei conducenti ex art. 2054 c.c.

22 Dicembre 2017 | di Redazione Scientifica

Trib. Ancona

Responsabilità da circolazione di veicoli

Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli, ai sensi dell'art. 2054, comma 2, c.c.

Leggi dopo

Pagine