Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

L'inferenza presuntiva del giudice di merito può fondarsi anche su un giudizio di ragionevole probabilità

02 Dicembre 2021 | di Giovanni Gea

Cass. civ.,

Circolazione di veicoli (responsabilità da)

Per la configurazione di una presunzione giuridicamente valida non occorre che l'esistenza del fatto ignoto rappresenti l'unica conseguenza possibile di quello noto, secondo un legame di necessarietà assoluta ed esclusiva ossia sulla scorta della regola della c.d. “inferenza necessaria”, essendo, invece, sufficiente che dal fatto noto sia desumibile univocamente quello ignoto, alla stregua di un giudizio di probabilità basato sull'id quod plerumque accidit ossia in virtù della regola della c.d. “inferenza probabilistica”.

Leggi dopo

Contratto con azienda sanitaria con effetti protettivi nei confronti del terzo e prescrizione del danno iure proprio

29 Novembre 2021 | di Antonio Serpetti di Querciara

Cass. civ.,

Responsabilità medica contrattuale e/o extracontrattuale

L'art. 2947 c.c., quando fa coincidere il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno con il termine di prescrizione stabilito dalla legge penale, si riferisce, senza alcuna discriminazione, a tutti i possibili soggetti passivi della pretesa risarcitoria e si applica perciò...

Leggi dopo

In tema di consulenza tecnica grafologica sui documenti nel processo telematico

23 Novembre 2021 | di Antonino Barletta

Trib. Busto Arsizio,

Consulenza tecnica d'ufficio

Il Giudice del Tribunale di Busto Arsizio non ha disposto una CTU calligrafica in quanto, a suo giudizio, l’attore avrebbe dovuto fare istanza di deposito (il documento era regolarmente prodotto in via telematica) entro la memoria ex art. 183, c. 6, n. 2, c.p.c. e ciò ai sensi dell’art. 16 bis IX comma del d.l. n. 179 del 2012.

Leggi dopo

Infortunio in itinere e calcolo del danno iatrogeno differenziale rispetto all'indennizzo INAIL

16 Novembre 2021 | di Lilia Papoff

Cass. civ.,

Danno iatrogeno

Nel caso in cui alla vittima di un danno iatrogeno spetti un indennizzo dall'INAIL, il credito aquiliano residuo va determinato sottraendo dal risarcimento dovuto per danno iatrogeno solo l'eventuale eccedenza dell'indennizzo INAIL rispetto all'importo del c.d. danno-base (ossia il danno che comunque si sarebbe verificato anche in assenza dell'illecito).

Leggi dopo

Assicurazione contro gli infortuni mortali: grava sull'assicurato l'onere della prova che l'evento letale sia stato cagionato da un infortunio

15 Novembre 2021 | di Giuseppe Sileci

Cass. civ.,

Assicurazione contro i danni

Gli oneri probatori si distribuiscono diversamente a seconda dell'oggetto del contratto di assicurazione che, in quanto tale, contiene l'esatta delimitazione dei rischi assicurati. Pertanto, mentre, nelle assicurazioni sulla vita, al fine di ottenere il pagamento dell'assicuratore, il beneficiario soddisfa il suo debito probatorio provando, oltre all'esistenza del contratto, la morte dell'assicurato, e l'impresa assicuratrice, ove voglia liberarsi dal pagamento, deve provare, a sua volta, il fatto impeditivo (quale il suicidio), nelle assicurazioni sugli infortuni il beneficiario deve dimostrare non solo la morte dell'assicurato, ma altresì l'esistenza di tutti gli elementi che caratterizzano il fatto giuridico – infortunio inteso come fortuito – idoneo a far insorgere il diritto preteso.

Leggi dopo

Rischio latente e personalizzazione del danno biologico del macroleso

09 Novembre 2021 | di Antonio Serpetti di Querciara

Cass. civ.,

Danno biologico temporaneo

Il patire postumi che, per quanto stabilizzati, espongano per la loro gravità la vittima ad un maggior rischio di ingravescenza o morte ante tempus, costituisce per la vittima una vera e propria lesione della salute di cui, dunque, dovrà tenersi conto nella determinazione del grado percentuale di invalidità permanente e nella liquidazione del danno biologico....

Leggi dopo

Responsabilità della banca negoziatrice per incasso fraudolento di assegno inviato a mezzo posta

28 Ottobre 2021 | di Bissi Aldo

Cass. civ.,

Banca e sua responsabilità

La responsabilità della banca negoziatrice per l'incasso fraudolento di un assegno intercettato da persona diversa dal destinatario assume natura contrattuale, sotto il profilo della responsabilità da contatto sociale. La responsabilità della banca non è oggettiva, essendo la stessa facoltizzata a provare di avere adempiuto la prestazione con la diligenza qualificata dell'operatore bancario, ex art. 1176, c. 2, c.c.. Quest'ultima norma impone alla banca presso cui l'assegno è presentato per l'incasso di non arrestare le sue verifiche alla apparenza dei documenti identificativi del presentatore, essendole richiesti ulteriori controlli sull'identità del presentatore conforme al beneficiario del titolo.

Leggi dopo

Responsabilità professionale dell'avvocato e cause di medical malpractice

26 Ottobre 2021 | di Antonio Serpetti di Querciara

Cass. civ.,

Avvocato e sua responsabilità

“In tema di responsabilità professionale dell'avvocato, l'avvocato non è tenuto a risarcire il cliente nonostante la colpa professionale, quando la causa in tema di responsabilità medica non avrebbe avuto un probabile esito favorevole; il professionista resta invece obbligato al pagamento delle spese legali della Compagnia di assicurazioni evocata in giudizio in manleva”.

Leggi dopo

L'assicurazione della responsabilità civile, l'obbligo di avviso del sinistro ed il suo inadempimento doloso

19 Ottobre 2021 | di Giampaolo Miotto

Cass. civ.,

Avviso di sinistro

Nell'assicurazione della responsabilità civile l'obbligo di avviso previsto dall'art. 1913 c.c. a carico dell'assicurato sorge a seguito della notifica della domanda giudiziale o della ricezione della richiesta di risarcimento del terzo danneggiato, consistente in una manifestazione di volontà di quest'ultimo, ancorché generica, di essere risarcito del danno subito.

Leggi dopo

La divulgazione di informazioni eccedenti il criterio di minimizzazione dei dati comporta il risarcimento del danno

15 Ottobre 2021 | di Ilenia Alagna

Cass. civ.,

Illecito trattamento di dati personali (responsabilità per)

Il trattamento dei dati personali nell'ambito di un esposto è lecito purché avvenga nel rispetto del criterio di minimizzazione nell'uso dei dati stessi. Dovranno quindi essere utilizzati solo i dati indispensabili, pertinenti e limitati a quanto necessario per il perseguimento delle finalità per cui sono raccolti e trattati.

Leggi dopo

Pagine