Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

È legittima l'intercettazione con virus trojan avvenuta mediante l'utilizzo della batteria del dispositivo dell'intercettato?

29 Luglio 2021 | di Ilenia Alagna

Cass. pen.,

Illecito trattamento di dati personali (responsabilità per)

Può essere considerata legittima l'intercettazione tra presenti, eseguita a mezzo di captatore informatico, installato in un dispositivo portatile, nell'ambito di attività investigativa svolta in relazione a procedimenti per delitti di criminalità organizzata, senza la necessaria preventiva individuazione ed indicazione dei luoghi in cui la captazione deve essere espletata.

Leggi dopo

Responsabilità di soci e liquidatori in caso di mancato pagamento delle imposte della società

23 Luglio 2021 | di Giovambattista Palumbo

Cass. civ. sez. trib.,

amministratore di società e sua responsabilità

La responsabilità dei liquidatori, degli amministratori e dei soci di società in liquidazione, in presenza dell'integrazione delle distinte fattispecie previste dall'art. 36 del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, per l'ipotesi di mancato pagamento delle imposte sul reddito delle persone giuridiche, è una responsabilità per obbligazione propria, "ex lege", per gli organi, in base agli artt. 1176 e 1218 c.c., e per i soci di natura sussidiaria, avente natura civilistica e non tributaria.

Leggi dopo

Caduta sul pavè: responsabilità da cose in custodia e riparto dell'onere probatorio

21 Luglio 2021 | di Giuseppe Sileci

Trib. Milano, sez. X, sentenza 6 Luglio 2021- Est. Spera

Cose in custodia (danno cagionato da)

Accertato il carattere colposo della condotta tenuta dal danneggiato e l'imprevedibilità / inevitabilità di tale condotta da parte del custode, si assiste ad un'interruzione del nesso causale tra cosa in custodia ed evento dannoso: l'iniziale (apparente) riconducibilità dell'evento alla cosa in custodia provata (già) dal danneggiato, qualora venga successivamente provato dal custode il caso fortuito...

Leggi dopo

Morte della zia in un incidente stradale: i nipoti vanno risarciti, anche se non conviventi

19 Luglio 2021 | di Enrico Basso

Cass. civ.,

Perdita del rapporto parentale (danno da)

In tema di danno da perdita di un congiunto non appartenente al “nucleo familiare ristretto”, la convivenza non è condicio sine qua non per poter accedere al risarcimento, rappresentando, invece, un elemento probatorio utile per dimostrare, insieme ad altri elementi, l'ampiezza e la profondità del vincolo affettivo - presupposto dell'an debeatur - nonché per determinare il quantum debeatur.

Leggi dopo

Chiamata in causa del terzo responsabile: la domanda attorea, in mancanza di apposita istanza dell'attore, si estende automaticamente al terzo?

15 Luglio 2021 | di Michele Liguori

Cass. civ.,

Cose in custodia (danno cagionato da)

Nel caso di chiamata in causa del terzo responsabile da parte del convenuto la domanda attorea si estende automaticamente al terzo, pur in mancanza di apposita istanza dell'attore, in quanto si deve individuare il vero responsabile nel quadro di un rapporto oggettivamente unitario.

Leggi dopo

Eccezione di inadempimento e autosospensione del canone di locazione in caso di malafede del locatore

13 Luglio 2021 | di Vincenzo Liguori

Cass. civ.,

Responsabilità contrattuale e/o extracontrattuale (in genere)

In applicazione del principio di correttezza e buona fede, la condotta della parte inadempiente va valutata in relazione all'incidenza che essa ha sulla funzione economico-sociale del contratto e all'influenza che essa ha sull'equilibrio sinallagmatico dello stesso, in rapporto all'interesse perseguito dalle parti e, perciò, deve legittimare causalmente e proporzionalmente la sospensione dell'adempimento dell'altra parte, in ottemperanza al principio di autotutela sancito dall'art. 1460 c.c..

Leggi dopo

Prima risposta del Tribunale di Milano sui valori da applicare in tema di danno da perdita del rapporto parentale post Cass. n. 10579

12 Luglio 2021 | di Marco Rodolfi

Trib. Milano,

Perdita del rapporto parentale (danno da)

Nelle more della predisposizione di una nuova Tabella che risponda ai parametri individuati nella sentenza n. 10579 del 2021 si può ragionevolmente affermare che la liquidazione del danno da perdita del rapporto parentale ben potrà essere effettuata all'interno della cornice edittale individuata dalle Tabelle milanesi, in quanto, comunque, consente di ridurre, “in modo relativamente significativo, il margine di generalità” e, conseguentemente, di discrezionalità che diversamente sarebbe rimesso al giudice procedente.

Leggi dopo

Risarcimento danni da infiltrazioni: vale il criterio della solidarietà tra i condomini

08 Luglio 2021 | di Adriana Nicoletti

Trib. Catania

Danni in condominio (responsabilità per)

In un'interessante sentenza il Tribunale di Catania, affrontando la questione della solidarietà che si applica nel caso di obbligazioni nascenti da fatto illecito, quando siano responsabili più soggetti, ha posto l'accento sulla differenza con la parziarietà dei debiti di natura condominiale ed oggetto di decreto ingiuntivo. Nel caso in cui il condominio sia stato condannato al pagamento di un risarcimento del danno in favore del terzo - che può essere anche un singolo condomino - si applica la norma generale prevista dal codice civile.

Leggi dopo

Guida in stato di ebbrezza e rivalsa dell'assicurazione

07 Luglio 2021 | di Silvia Monti

Cass. civ.,

Circolazione di veicoli (responsabilità da)

In ipotesi di azione di rivalsa a norma dell'art. 18, comma 2, L. 990/1969 (ora art. 144, comma 2, D. Lgs. 209/2005), il termine di prescrizione è quello annuale previsto dall'art. 2952, comma 2, c.c. e decorre dal giorno in cui l'assicuratore abbia provveduto al pagamento dell'indennizzo a favore del terzo danneggiato.

Leggi dopo

Fideiussione e foro del consumatore

05 Luglio 2021 | di Giuseppe Fiengo

Tribunale di Teramo

Contratto autonomo di garanzia e polizze fideiussorie

Deve considerarsi consumatore (con conseguente applicabilità della disciplina del codice del consumo) il fideiussore-persona fisica che abbia garantito il debito di una società al di fuori dell'attività professionale eventualmente svolta ed in assenza di un collegamento funzionale con la medesima società. Nel caso concreto il Tribunale, accertata la concreta natura di consumatore della garante, ha dichiarato la propria incompetenza e revocato il decreto ingiuntivo opposto.

Leggi dopo

Pagine