Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Tabelle milanesi: la liquidazione è (quasi) incensurabile in Cassazione

20 Ottobre 2014 | di Mauro Di Marzio

Tabella del Tribunale di Milano

Le c.d. «tabelle», siano esse normative o giudiziali, quali in particolare quelle elaborate dal tribunale di Milano ma dotate di «vocazione nazionale», costituiscono idoneo strumento di liquidazione equitativa del danno non patrimoniale, liquidazione che, una volta operata la necessaria personalizzazione, non può essere soggetta a controllo in sede di legittimità, essendo inevitabilmente caratterizzata da un certo grado di approssimazione, se non in presenza di totale mancanza di giustificazione che sorregga la statuizione o di macroscopico scostamento da dati di comune esperienza o di radicale contraddittorietà delle argomentazioni.

Leggi dopo

Quando le omesse informazioni ledono il diritto alla salute ed il diritto di autodeterminazione

16 Ottobre 2014 | di Francesco Agnino

Trib. Napoli

Consenso informato e il risarcimento del danno consequenziale

Per potere configurare un responsabilità del medico connessa alla mancata informazione è necessario che tale omissione sia in rapporto di causalità con il danno sofferto dal paziente all’esito dell’operazione, mentre è irrilevante che l’intervento sia stato eseguito o meno correttamente.

Leggi dopo

Sulla condotta colposa del danneggiato idonea a costituire caso fortuito

16 Ottobre 2014 | di Rosaria Giordano

Responsabilità del gestore e del manutentore di beni demaniali

“La responsabilità dell’amministrazione ex art. 2051 c.c. resta esclusa, per doversi attribuire l’evento al caso fortuito anche nell’ipotesi in cui il fatto del danneggiato costituisca la causa esclusiva del danno”.

Leggi dopo

Quantum e danno differenziale

10 Ottobre 2014 | di Massimiliano Naso

Danno differenziale

“(…omissis…) il danno non patrimoniale da invalidità permanente deve essere ragguagliato alla natura cd. differenziale del danno iatrogeno rispetto a quello che sarebbe conseguito alla lesione accidentale, con la conseguenza che la liquidazione va effettuata operando la differenza tra il risarcimento spettante in ragione dei postumi permanenti accertati e quello dovuto per il danno che sarebbe verosimilmente residuato in caso di mancato aggravamento dei postumi conseguito a colpa medica”.

Leggi dopo

Responsabilità solidale dell’intermediario per illecito del promotore: nesso di occasionalità necessaria, comportamenti anomali dell’investitore e prescrizione

09 Ottobre 2014 | di Claudio Tatozzi , Daniele A. Cugini

Responsabilità dell'intermediario finanziario

Sussiste la responsabilità solidale dell’intermediario nei confronti del terzo, ai sensi dell’art. 31 d.lgs. n. 58/1998, per il fatto illecito, ancorché costituente reato, commesso dal promotore finanziario, qualora sia ravvisabile un nesso di occasionalità necessaria tra incombenze affidate al promotore e fatto del medesimo, non valendo ad interrompere il nesso causale, in assenza di altri elementi, la mera consegna al promotore di somme di denaro (oggetto di successiva indebita appropriazione) con modalità difformi da quelle prescritte. La decorrenza del termine prescrizionale per l’esercizio dell’azione azione prescinde dalla data del fatto illecito, postulando invece la compiuta conoscenza/conoscibilità, da parte del danneggiato, degli elementi costituitivi del diritto azionato. Il conseguente debito risarcitorio costituisce debito di valore, da rivalutarsi, con calcolo degli interessi legali, sulla somma via via rivalutata, dal sorgere del credito sino alla data della pronuncia del giudice di prime cure (decorrendo invece dalla medesima i soli interessi legali sino al saldo effettivo).

Leggi dopo

Perdita della vita e diritto al conseguente risarcimento del danno: questione aperta

06 Ottobre 2014 | di Filippo Rosada

Danno tanatologico

Il danno non patrimoniale da perdita della vita consiste nella perdita del bene vita quale supremo bene dell’individuo, autonoma fonte di diritto assoluto è inviolabile e garantito dall’ordinamento in via primaria anche sul piano della tutela civile; differente dal danno biologico terminale e dal danno morale terminale. Il ristoro del danno da perdita della vita ha una funzione compensativa, è da compiersi in via equitativa ed è trasmissibile iure hereditatis.

Leggi dopo

Vittime di reati intenzionali violenti: il Tribunale di Milano estende l’indennizzo alle situazioni interne

24 Settembre 2014 | di Marta Cenini

Mancato recepimento direttiva comunitaria

“È presupposto indispensabile per dare effettiva attuazione alla direttiva 2004/80/CE la predisposizione, da parte del legislatore italiano, di un sistema idoneo a garantire l’indennizzo delle vittime di tutti i reati intenzionali violenti nelle situazioni cd. interne. Pertanto l’Italia risulta inadempiente per aver omesso di dare attuazione al disposto dell’art. 12, comma 2, della Direttiva 2004/80/CE, da cui consegue il diritto delle attrici al risarcimento del danno”

Leggi dopo

Il padre viola i doveri di educazione, istruzione e mantenimento verso la prole: i figli richiedono il risarcimento danni

23 Settembre 2014 | di Rosaria Giordano

Danno endofamiliare

“La violazione dei doveri di mantenimento, istruzione ed educazione dei genitori verso la prole, a causa del disinteresse mostrato nei confronti dei figli per lunghi anni, ben può integrare gli estremi dell'illecito civile, cagionando la lesione di diritti costituzionalmente protetti, e dar luogo ad un'autonoma azione dei medesimi figli volta al risarcimento dei danni non patrimoniali ai sensi dell'art. 2059 c.c. (nella specie, il padre dei figli non riconosciuti si era reso responsabile della violazione degli obblighi nascenti dal rapporto di filiazione, per avere privato i figli dell'affettività paterna, per avere dimostrato totale insensibilità nei loro confronti, come dimostrato dal rifiuto di corrispondere i mezzi di sussistenza e negato loro ogni aiuto, non solo economico, con conseguente violazione di diritti di primaria rilevanza costituzionale).”

Leggi dopo

Se non c’è contratto con il paziente, la responsabilità civile del medico ex L. Balduzzi si individua nella responsabilità da fatto illecito ex art. 2043 c.c.

17 Settembre 2014 | di Filippo Martini

Responsabilità extracontrattuale nella “legge Balduzzi”

Il tenore letterale dell’art. 3 comma 1 della legge Balduzzi (art. 3, comma 1, L. n.189/2012) e l’intenzione del legislatore conducono a ritenere che la responsabilità del medico (e quella degli altri esercenti professioni sanitarie) per condotte che non costituiscono inadempimento di un contratto d’opera (diverso dal contratto concluso con la struttura) venga ricondotta dal legislatore del 2012 alla responsabilità da fatto illecito ex art. 2043 c.c. e che, dunque, l’obbligazione risarcitoria del medico possa scaturire solo in presenza di tutti gli elementi costitutivi dell’illecito aquiliano (che il danneggiato ha l’onere di provare). Se dunque il paziente/danneggiato agisce in giudizio nei confronti del solo medico con il quale è venuto in “contatto” presso una struttura sanitaria, senza allegare la conclusione di un contratto con il convenuto, la responsabilità risarcitoria del medico va affermata soltanto in presenza degli elementi costitutivi dell’illecito ex art. 2043 c.c. che l’attore ha l’onere di provare. Se nel caso suddetto oltre al medico è convenuta dall'attore anche la struttura sanitaria presso la quale l’autore materiale del fatto illecito ha operato, la disciplina delle responsabilità andrà distinta (quella ex art. 2043 c.c. per il medico e quella ex art. 1218 c.c. per la struttura), con conseguente diverso atteggiarsi dell’onere probatorio e diverso termine di prescrizione del diritto al risarcimento; senza trascurare tuttavia che, essendo unico il “fatto dannoso” (seppur distinti i criteri di imputazione della responsabilità), qualora le domande risultino fondate nei confronti di entrambi i convenuti, essi saranno tenuti in solido al risarcimento del danno a norma dell’art. 2055 c.c.

Leggi dopo

Il notaio è negligente, ma il danno risarcibile si limita agli esborsi per la sottoscrizione del rogito

16 Settembre 2014 | di Roberta Nocella

Responsabilità del notaio

L'azione di responsabilità contrattuale nei confronti di un professionista - nella specie, un notaio - che abbia violato i propri obblighi professionali può essere accolta, secondo le regole generali che governano la materia risarcitoria, se e nei limiti in cui un danno si sia effettivamente verificato, occorrendo a tale scopo valutare se il cliente avrebbe potuto conseguire, con ragionevole certezza, una situazione economicamente più vantaggiosa qualora il professionista avesse diligentemente adempiuto la propria prestazione. (Nel caso di specie, essendosi già irreversibilmente prodotto - al momento della stipula del rogito notarile - il danno costituito dal versamento del corrispettivo per l'acquisto di un immobile gravato da iscrizioni e trascrizioni pregiudizievoli, ed essendo lo stesso il risultato di una serie causale del tutto indipendente dalla condotta del notaio, si è ritenuto che, in caso di diligente adempimento da parte del professionista dell'incarico affidatogli, l'ignara acquirente avrebbe potuto risparmiare soltanto gli ulteriori esborsi connessi alla sottoscrizione del rogito).

Leggi dopo

Pagine