Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Risarcimento del danno a seguito di revoca dell’aggiudicazione provvisoria

20 Luglio 2015 | di Amelia Laura Crucitti

Tar Veneto

Responsabilità della P.A.

E' assunto in violazione del comma 8 dell'art. 31 del D.L. n. 69/2013, il DURC che non sia stato preceduto dall'invito alla regolarizzazione della posizione contributiva entro il termine di grazia non superiore a 15 giorni, invito che deve contenere anche l'indicazione analitica delle cause della irregolarità.

Leggi dopo

Consenso informato e prestazione medica: distinte obbligazioni a carico degli allievi di Asclepio

17 Luglio 2015 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Consenso informato e il risarcimento del danno consequenziale

L'acquisizione da parte del medico del consenso informato costituisce prestazione altra e diversa da quella dell'intervento medico richiestogli, assumendo autonoma rilevanza ai fini dell'eventuale responsabilità risarcitoria in caso di mancata prestazione da parte del paziente.

Leggi dopo

Il contratto di assicurazione «cinque giorni»

15 Luglio 2015 | di Mauro Di Marzio

Cass. civ.

Assicurazione obbligatoria per veicoli a motore e natanti

Anche nel caso di contratti di assicurazione della durata di cinque giorni stipulati da commercianti, concernenti veicoli usati posti in circolazione ai fini della vendita, per prova, collaudo o dimostrazione, trova applicazione il principio secondo cui, una volta rilasciato il certificato e il contrassegno di assicurazione, ciò che rileva per la promovibilità dell'azione diretta nei confronti dell'assicuratore è esclusivamente l'autenticità di essi e non la validità del rapporto assicurativo

Leggi dopo

Risarcimento del danno morale soggettivo quale categoria autonoma

14 Luglio 2015 | di Paolo Vinci

Trib. Firenze

Danno morale

Va riconosciuto il risarcimento del danno non patrimoniale dei prossimi congiunti attori, sub specie di danno morale soggettivo. Questo si identifica, com’è noto, con la sofferenza interiore, il patema d’animo, il turbamento, che originano da un fatto illecito lesivo di interessi costituzionalmente rilevanti. Quanto alla liquidazione, è, altrettanto, noto che il danno morale, non potendo essere provato e, comunque, quantificato nel suo preciso ammontare, deve essere determinato equitativamente dal giudice, avendo riguardo alla gravità del fatto illecito, da cui origina il danno, all’intensità delle sofferenze patite dall’offeso ed a tutti gli elementi peculiari del caso concreto, sì che la somma riconosciuta sia adeguata ad esso e non costituisca un simulacro di risarcimento”

Leggi dopo

Non è più satira se diventa pura forma di dileggio, disprezzo e distruzione della dignità della persona

13 Luglio 2015 | di Vincenzo Papagni

Cass. civ.

Risarcimento del danno da diffamazione

La satira, per la sua natura di diritto soggettivo ed opinabile, è sottratta al parametro della verità, ma soltanto i fatti così rappresentati in modo apertamente difforme alla verifica del reale sono privi della capacità offensiva, mentre la riproduzione apparentemente attendibile di un fatto di cronaca, deve essere valutata secondo il criterio della continenza delle espressioni e delle immagini e delle vignette e delle foto utilizzate. Nessuna scriminante è possibile riconoscere allorché la satira diventa forma pura di dileggio, disprezzo e distruzione della dignità della persona.

Leggi dopo

Danno non patrimoniale e patrimoniale da illegittimo protesto: oneri di allegazione e prova in capo al danneggiato e limiti di ricorso alla prova presuntiva

10 Luglio 2015 | di Carlo Breggia

Cass. civ.

Danno da illegittimo protesto

Il danno da illegittimo protesto non è in re ipsa, ma è un danno-conseguenza, sia quando sia patrimoniale (ripercussione negativa sul patrimonio, in termini di chiusura del credito, diminuiti guadagni, ecc.), sia quando sia non patrimoniale (lesione del buon nome commerciale).

Leggi dopo

Responsabilità esclusiva del professionista per la realizzazione di un progetto non conforme a regole tecniche e norme in ambito edilizio

07 Luglio 2015 | di Marco Moiraghi

App. Milano

Responsabilità del geometra

Sussiste responsabilità contrattuale esclusiva del professionista per la realizzazione di progetto non conforme alle vigenti regole tecniche e alle norme giuridiche in ambito edilizio. Va esclusa la corresponsabilità dei committenti per pregressa conoscenza della illegittimità del progetto.

Leggi dopo

Sussiste il diritto al risarcimento del danno anche in capo alla fidanzata non convivente del de cuius

03 Luglio 2015 | di Paolo Mariotti , Raffaella Caminiti

Trib. Firenze

Danno da perdita del rapporto parentale

La sentenza in commento affronta la questione della configurabilità e risarcibilità dei danni in capo alla fidanzata non convivente (ma promessa sposa) della vittima primaria di un illecito. La pronuncia di merito è conforme ai principi espressi dalla Corte di legittimità...

Leggi dopo

Assicurazioni plurime: spetta all’assicurato provare di non essere stato già soddisfatto

29 Giugno 2015 | di Mauro Di Marzio

Cass. civ.

Riparto dell'onere della prova nel contratto assicurativo

L’assicurazione contro i danni, nella cui disciplina si inserisce l’art. 1910 c.c., è dominata dal principio indennitario, il quale si riassume in ciò, che attraverso l’assicurazione l’assicurato non può mai conseguire un lucro, un arricchimento, ma può solo ottenere il ristoro del danno subito.

Leggi dopo

La responsabilità della banca intermediaria delle operazioni dell’investitore

29 Giugno 2015 | di Ivan Dimitri Calaprice

App. Milano

Responsabilità della banca

I temi di maggior momento trattati in questa pronuncia sono di fatto riferibili a due principali nuclei argomentativi, ovvero: i) le modalità secondo cui deve declinarsi il principio codicistico fissato dall’art. 1218 c.c. nonché ii) l’intensità dello sforzo probatorio richiesto ad una Banca per provare l’esonero della propria responsabilità per un danno da investimento.

Leggi dopo

Pagine