Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Il principio di integralità e le voci del danno non patrimoniale

19 Giugno 2020 | di Amelia Laura Crucitti

Cass. civ.

Risarcimento del danno da violenza sessuale

Cosa si intende per lesione del diritto alla salute? È risarcibile il danno non patrimoniale subito dalla dipendente per effetto delle molestie sessuali subite dai suoi superiori gerarchici? Nel caso di specie, il principio di integralità del risarcimento comporta la valutazione di peculiari voci di danno da parte del giudice?

Leggi dopo

Puntualizzazioni in materia di accertamento delle lesioni micropermanenti ai sensi dell’art. 139 cod. ass.

16 Giugno 2020 | di Patrizia Ziviz

Cass. civ.

Liquidazione danno non patrimoniale per lesioni micro permanenti

Nel campo dei sinistri stradali e della responsabilità sanitaria, il risarcimento del danno biologico permanente risulta condizionato - secondo quanto previsto dall’art. 139, comma 2, cod. ass. - dalla prova rigorosa dell’effettiva sussistenza della lesione.

Leggi dopo

Danni da fauna selvatica: ne risponde la Regione ex art. 2052 c.c.

12 Giugno 2020 | di Antonio Scalera

Cass. civ.

Danno cagionato da animali

Chi risponde del danno cagionato dalla fauna selvatica? Il parametro normativo ed il conseguente onere della prova sono riconducibili all'art. 2043 c.c. ovvero all'art. 2052 c.c.?

Leggi dopo

Il danno all'immagine cagionato dal dipendente illecitamente assenteista alla p.a. di appartenenza quale autonoma fattispecie di responsabilità amministrativa

09 Giugno 2020 | di Ilvio Pannullo

Corte Cost.

Responsabilità della P.A.

È costituzionalmente legittima la norma finalizzata a far assumere una funzione sanzionatoria alla responsabilità per danno all'immagine da contestarsi al dipendente assenteista?

Leggi dopo

Azione diretta del danneggiato nei confronti dell’impresa di assicurazione ex art. 149 cod. ass.: il conducente responsabile è litisconsorte necessario?

04 Giugno 2020 | di Michele Liguori

Cass. civ.

Azione diretta

Chi è il responsabile del danno litisconsorte necessario del processo nell'azione diretta promossa dal danneggiato (o dal cessionario del suo credito) nei confronti della propria impresa di assicurazione, ex art. 149 d.lgs. n. 209/2005?

Leggi dopo

Cancellazione del volo aereo e mancata partecipazione al funerale del genitore: al passeggero spetta il risarcimento del danno «esistenziale»?

29 Maggio 2020 | di Paolo Mariotti , Raffaella Caminiti

Trib. Busto Arsizio

Danno esistenziale

Quali conseguenze risarcitorie derivano dalla cancellazione di un volo aereo che impedisca al passeggero la partecipazione alle esequie di un familiare?

Leggi dopo

Prescrizione del reato ed equa riparazione: tra volontà legislativa e prassi

27 Maggio 2020 | di Massimiliano Stronati

Cass. civ.

Eccessiva durata del processo

La dichiarazione di prescrizione del reato è di per sé sufficiente ad escludere il diritto all'equa riparazione per irragionevole durata del processo?

Leggi dopo

Morte del familiare e pensione di reversibilità: non c'è spazio per la compensatio lucri cum damno

22 Maggio 2020 | di Francesco Agnino

Cass. civ.

Danno differenziale patrimoniale e non patrimoniale

La compensatio lucri cum damno opera nel caso di erogazione di prestazioni di reversibilità?

Leggi dopo

L’agilità del gatto e la dubbia natura oggettiva della responsabilità da cose in custodia

14 Maggio 2020 | di Giuseppe Sileci

Trib. Milano

Danno cagionato da cose in custodia

La presenza di un gatto, che repentinamente attraversa l’autostrada, determinando la collisione con un automezzo che procede sulla carreggiata, integra il caso fortuito idoneo a liberare il custode dalla responsabilità ex art. 2051 c.c. in considerazione della straordinarietà ed imprevedibilità dell’evento, ricavabili dalla natura repentina ed imprevedibile dei movimenti di un animale di siffatta taglia ed agilità.

Leggi dopo

Cooperazione colposa del pedone investito fuori dalle strisce e prova liberatoria ex art. 2054 c.c.

07 Maggio 2020 | di Daniele Accebbi

Cass. civ.

Pedone ex art. 190 e 191 c.d.s.

E' sufficiente l'eventuale riscontrata imprudenza e/o negligenza del pedone a giustificare il superamento della presunzione di colpa esclusiva del veicolo investitore prevista dall'art. 2054, comma 1, c.c.?

Leggi dopo

Pagine