News

News su Giudicato penale e risarcimento del danno

Efficacia della sentenza penale di assoluzione nel giudizio civile di danno

30 Maggio 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Giudicato penale e risarcimento del danno

Il giudicato penale di assoluzione dell’imputato ha effetto preclusivo nel giudizio civile solo laddove contenga un effettivo e specifico accertamento della sussistenza del fatto o della partecipazione dell’imputato.

Leggi dopo

Sentenza penale di condanna al risarcimento del danno: al giudice civile è preclusa la valutazione dell’an

20 Marzo 2018 | di Redazione Scientifica

Cass. civ.

Giudicato penale e risarcimento del danno

Una volta divenuto irrevocabile il capo della sentenza penale relativo all’accertamento di responsabilità, rimane precluso al giudice civile, adito successivamente ai fini della liquidazione del "quantum", procedere ad una nuova valutazione nell’"an" della responsabilità civile, potendo invece tale giudice accertare, senza alcun ulteriore vincolo, se il fatto (potenzialmente) dannoso attribuito alla responsabilità dell’imputato abbia determinato o meno, in base alla verifica del nesso derivazione causale previsto dall’art. 1223 c.c., le conseguenze pregiudizievoli allegate dai danneggiati.

Leggi dopo

Ragionevole l’esclusione del responsabile civile dal giudizio abbreviato

19 Ottobre 2016 | di Redazione Scientifica

Corte. cost., sent., 7 ottobre 2016, n. 216

Giudicato penale e risarcimento del danno

La Corte costituzionale con sentenza n. 216 depositata il 7 ottobre 2016 ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 87, comma 3, c.p.p..

Leggi dopo

Anche i nipoti della vittima hanno diritto a costituirsi parte civile per il risarcimento del danno morale

13 Ottobre 2015 | di Redazione Scientifica

Cass. pen.

Giudicato penale e risarcimento del danno

I prossimi congiunti della vittima sono legittimati ad agire per il risarcimento dei danni morali sofferti a causa della morte del congiunto. Pertanto, hanno diritto al risarcimento del danno i nipoti che, pur non convivendo con la vittima e pur non essendo suoi eredi, hanno subito, a causa dell’incidente mortale, la perdita di un valido e concreto sostegno morale.

Leggi dopo